Monte Conero

Il Monte Conero è il rilievo più esterno dell’Italia centrale, raggiunge una quota massima di 572 metri s.l.m. ed è costituito da calcarei compatti e da marne azzurre. Le pareti sono ricoperte dalla macchia mediterranea: Aceri, Lecci, Pini. Qua e Là si trovano fitti cespugli di ginestre; La cima del monte è invece spoglia.


Numana

Numana si trova sulle propaggini sud del monte Conero ed è costituita da due parti: il centro storico (70 metri s.l.m.), detta Numana alta e la parte più in basso, vicina al mare, detta Numana bassa, unite tra loro (tra l'altro) da una caratteristica strada-scalinata detta "Costarella".
La piccola Numana ha una storia di quasi 3000 anni!!!
Già nodo di prima grandezza sulla via dell'ambra, agli albori del commercio mondiale verso il IX VIII sec. a.C., Numana fu un importantissimo centro commerciale degli antichi Piceni dal VII al III sec. a.C. per scambi con la Grecia, l'Etruria, ma anche verso la Gallia (Francia) e la Germania.
Reperti archeologici hanno evidenziato che Numana non era soltanto un centro di smistamento di merci verso i mercati padani, ma addirittura centro autonomo di interessi nell'obiettivo di interscambi economici ateniesi e piceni, anche con proprie produzioni.


Porto Sant’Elpidio

E’ uno dei più giovani comuni della provincia di Ascoli Piceno; Il più antico come storia; il più lungo di tutta la regione, oltre 5 Km. Le sue antichissime origini sono attestate da numerosi e preziosi reperti archeologici che ci dimostrano come sin dal IX secolo a.c. vi fossero insediamenti umani e relazioni commerciali con i popoli slavi e dell’antica grecia. Ora la città occupa un posto di ragguardevole importanza nella produzione calzaturiera.


Porto San Giorgio

Città esistente sin dal tempo dei romani, i quali avevano costruito nei pressi della foce dell’Ete il NAVALE. La sua fondazione vera e propria risale al Mille, quando alcuni marinai veneziani, sbattuti da una tempesta sulle nostre coste, attratti dalla salubrità dei luoghi, vi si stabilirono. In seguito per difendersi dall’attacco dei pirati, costruirono un castello, ponenedolo sotto la protezione di San Giorgo; castello che nel 1267 passò al comune di Fermo. Soltanto nel 1798 la Congregazione Fermana decreterà Porto San Giorgio castello distinto da Fermo. Nel corso dei secoli visse alterne vicende che contribuirono a far crescere l’importanza di Porto San Giorgio come località di villeggiatura e come porto strategico, sia dal punto di vista turistico che da quello economico-commerciale. Ricordiamo per la loro importanza storico artistica la Rocca costruita nel 1267, la Chiesa di San Giorgio costruita nel 1840 e la Torre dell'orologio.