Si tratta di uno dei monumenti romanici più interessanti delle Marche con origini molto antiche: sorse forse nel V dc, sulle rovine dell’antica città romana Pausolae.

L’edificio ha una pianta quadrata a croce greca; la facciata è stretta da due torri angolari e cilindriche, che avevano funzione di avvistamento dei nemici e di difesa.

La chiesa è costituita da due chiese sovrapposte collegate all’esterno da uno scalone, a destra, che dal primo sale al secondo piano. Qui si apre un terrazzo che precede un bel portale romanico.